San Francesco d’Assisi: L’Uomo della Libertà

Condividi suShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

papa francescoRiflettendo sulla vita di Francesco di Assisi, si resta sorpresi dall’immediatezza e dalla radicalità con cui sa trasformare le intuizioni in scelte concrete di vita. La sua esperienza esistenziale è disseminata di ispirazioni tradotte in gesti anche drammatici che, come decisi colpi d’ala, gli permettono di guadagnare le aperte immensità dell’azzurro. Il rigetto del denaro, il bacio al lebbroso, la rinuncia all’eredità paterna e tanti altri gesti, piccoli e grandi, di cui pullulano le fonti, attestano una continua presenza a se stesso, un’attenzione ai moti anche più lievi del suo animo ed una volontà ferrea di superamento. Tanti gesti che preparano le dolorose decisioni degli ultimi anni, come quella di essere accondiscendente nello scontro inevitabile tra il suo ideale e la debolezza dei fratelli, o quella di passare la guida dell’Ordine in altre mani, con l’attenzione a non turbarsi nel sentirsi ormai messo da parte. Francesco è un uomo “libero”. Libero da se stesso: nessun uomo, nessun santo ha mai chiesto perdono al proprio corpo per averlo sottomesso e martoriato per tutta la vita. Egli ha raggiunto una tale armonia interiore che la carne e lo spirito collaborano ormai in perfetta sintonia. Libero dalle preoccupazioni per i suoi Frati: «Frati miei, io ho fatto la mia parte, Cristo vi insegni il compito che spetta a voi» . Libero da ogni moto d’orgoglio, di egoismo, di avidità. Egli è senza pieghe interiori, trasparente, fratello; il fratello di tutte le creature, alle quali si unisce per cantare le lodi del suo Signore. Il Cantico di Frate Sole è l’espressione incomparabile di una libertà totale raggiunta, e dello stato d’animo che da questa immediatamente consegue: la pace e la gioia.
Nella vigilia della Festa del Santo Patrono d’Italia con la sua imminente visita pastorale di Papa Francesco , nella terra del Poverello d’Assisi nella Città di Assisi vogliamo vivere questa festa serafica del Santo per vivere intensamente in questo giorno di festa la pace e la buona novella.

Buona Festa a tutti, nel nome di San Francesco d’Assisi.

Il Presidente Sede A.I.A.P. di Canosa di Puglia
Orazio LOVINO