La Storia - Canosa Presepi

Vai ai contenuti

Menu principale:

La Storia

IL PRESEPIO
manifesto mostra
 

La Storia del Presepio

La Natività se da un lato colpisce la fantasia dei paleocristiani rendendo loro meno oscuro il mistero di un Dio che si fa uomo, dall’altro li sollecita a rimarcare gli aspetti trascendenti quali la divinità del Bambin Gesù e la Verginità di Maria.
Così si spiegano le effigi parietali del III° secolo nel cimitero di S.Agnese e nelle catacombe di Pietro e Marcellino e di Domitilla in Roma che ci mostrano una Natività e l’adorazione dei Magi, ai quali il vangelo apocrifo armeno assegna i nomi di Gasparre, Melchiorre e Baldassarre, ma soprattutto si caricano di significati allegorici i personaggi dei quali si va arricchendo l’originale iconografia: il bue e l’asino. I Magi il cui numero di tre, fissato da S. Leone Magno, ne permette una duplice interpretazione, quali rappresentanti delle tre età dell’uomo: gioventù, maturità e vecchiaia e delle tre razze in cui si divide l’umanità: la semita, la giapetica e la camita secondo il racconto biblico; gli angeli, esempi di creature superiori; i pastori come l’umanità da redimere e infine Maria e Giuseppe rappresentanti a partire dal XIII° secolo, in atteggiamento di adorazione proprio per sottolineare la regalità dell’infante.
presepio

Anche i doni dei Magi sono interpretati con riferimento alla duplice natura di Gesù e alla sua regalità: l’incenso, per la Divinità, la mirra, per il suo essere uomo, l’oro perché dono riservato ai re.
A partire dal IV° secolo la Natività diviene uno dei temi dominanti dell’arte religiosa e in questa produzione spiccano per valore artistico: la natività e l’adorazione dei magi del dittico a cinque parti in avorio e pietre preziose del V° secolo che si ammira nel Duomo di Milano e i mosaici della Cappella Palatina a Palermo, del Battistero di S.Maria a Venezia e delle Basiliche di S.Maria Maggiore e S.Maria in Trastevere a Roma.
L’ambiente descritto è la grotta, che in quei tempi si utilizzava per il ricovero degli animali, con gli angeli annunciatori mentre Maria e Giuseppe sono raffigurati in atteggiamento ieratico simili a divinità o, in antitesi, come soggetti secondari quasi estranei all’evento rappresentato.
Il Presepio come lo vediamo rappresentare ancor oggi nasce secondo la tradizione dal desiderio di San Francesco d’Assisi di far rivivere in uno scenario naturale la nascita di Betlemme coinvolgendo il popolo nella rievocazione che ebbe luogo a Greccio la notte di Natale del 1223, episodio rappresentato poi magistralmente da Giotto nell’affresco della Basilica Superiore di Assisi.
presepio

Primo esempio di presepe inanimato è invece quello che Adolfo di Cambio scolpirà nel legno nel 1280 e del quale oggi si conservano le statue residue nella cripta della Cappella Sistina di S. Maria Maggiore in Roma.
Da allora e fino alla metà del 1400 gli artisti producono statue di legno o terracotta che sistemano davanti a una pittura riproducete un paesaggio come sfondo alla scena della Natività, il tutto collocato all’interno delle chiese.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu